Eventi: Gli studenti del “Cecioni” in Olanda alle semifinali di “Zero Robotics” L’assessore Majidi: “Un caso di eccellenza nel nostro territorio”

12 novembre 2013 19:47 Commenti disabilitati

Darya Majidi con una rappresentanza di docenti e studenti del Cecioni

Darya Majidi con una rappresentanza di docenti e studenti del Cecioni

LIVORNO  - Il Liceo “Cecioni” di Livorno ha raggiunto vette di tutto rispetto nella competizione internazionale di programmazione di robotica aerospaziale “Zero Robotics”.

Competizione promossa dalla Nasa e dal Mit per la parte americana e dall’Esa e il Politecnico di Torino, per l’Europa.

Le squadre del “Cecioni”, Crab Nebula e Proxima Centauri, occupano infatti  attualmente il quinto e l’ottavo posto della classifica generale e il terzo e quarto posto della classifica Europea.

A fine novembre gli studenti livornesi parteciperanno alle semifinali per l’accesso alla fase conclusiva in Olanda di inizio gennaio 2014.

E il “Cecioni” è l’unica scuola in Europa ad avere due squadre in semifinale.

Il Comune di Livorno ha dato il suo patrocinio al progetto (per quanto riguarda la partecipazione degli studenti livornesi), considerate le sue finalità didattiche e gli ottimi risultati raggiunti dai livornesi.

Si è parlato di questa innovativa esperienza didattica a Palazzo Municipale, nel corso di un incontro al quale hanno partecipato l’assessore comunale all’Innovazione Darya Majidi, una rappresentanza di docenti (Antonio Manfredini, insegnante di fisica, Susanna Rondanina, insegnante di matematica e fisica, Armando Bracci, ex insegnante di matematica e fisica e “allenatore” delle squadre) insieme ad una rappresentanza degli studenti (Diletta Costagli e Gianmarco Cei della II A Scientifico, Matteo Bertolini e Caterina Marconi della III A Scientifico). Presente anche il consigliere comunale Valerio Virgili, ex studente del “Cecioni”.

Si tratta di un caso di eccellenza nel nostro territorio – ha sottolineato  l’assessore Majidi – ed è per questo che abbiamo voluto valorizzare questa partecipazione del “Cecioni” in un gioco che abbina conoscenze di fisica e matematica a inventiva e a creatività. Ringrazio gli studenti per l’impegno e un grazie particolare agli insegnanti che hanno dato a questi studenti un bagaglio culturale ed esperienziale che resterà loro come patrimonio per tutta la vita”.

Come hanno spiegato studenti e insegnanti Zero Robotics è una competizione internazionale, che si basa sulla programmazione di speciali robots denominati SPHERES, ovvero satelliti artificiali simil-sferici (in realtà a 18 facce), realizzati dal MIT, situati all’interno della Stazione Spaziale Internazionale.

La competizione inizia online, sul sito web ZeroRobotics.org, dove le persone si possono registrare per far poi parte di una squadra (Team), capitanata da Capi Squadra (Mentors). Le squadre che si vengono a formare possono così partecipare ad una gara che si ripete annualmente.

I partecipanti alla gara possono creare, modificare, condividere, simulare, e presentare il proprio codice, attraverso il proprio browser web. Dopo varie fasi di svariate competizioni virtuali secondarie, si selezionano i finalisti per competere dal vivo in un campionato a bordo della IIS. Un astronauta condurrà la competizione finale in una situazione di microgravità attraverso un canale di comunicazione in diretta.

la redazione

 

 

 

 

Comments are closed

Other News